Otto mosse per l’ottava meraviglia

29 09 2008

di Giorgio Terruzzi

Otto mosse per il titolo numero 8. Compiute da Valentino dentro un anno rivoluzionato e rivoluzionario, capace di ribaltare umori, immagine, panorama.

Mossa numero 1. Gomme Bridgestone. Desiderate e poi ottenute, alla fine decisive. Era una scommessa a rischio, criticata, circondata da scetticismo. Si è trattato di una scelta illuminata, messa in campo con il solito anticipo

Mossa numero 2. Interruzione del rapporto con il manager Gibo Badioli. La relazione era stanca, circondata da troppe diffidenze, fonte di problemi nei rapporti con i media, messa in crisi dall’indagine fiscale. Valentino voleva alleggerire, liberarsi, liberare. Fatto.

Mossa numero 3. Estinzione della grana con il fisco. Rossi avrebbe potuto protrarre la grana, combattere, dimostrare. Ha deciso di chiudere e pagare per non avere più a che fare. Per correre e basta. Come ha fatto, puntualmente.

Mossa numero 4. Pressare la Yamaha. Bastone e carota, la volontà di restare per pretendere. Il risultato? Un dialogo senza filtri con Masao Furusawa, il leader tecnico della casa giapponese e una moto molto lontana da quella, inadeguata, del 2007.

Mossa numero 5. Fare quadrato. Circondandosi di alcune figure fidatissime e calde. Tutte riunite nella nuova società “VR46” composta da Valentino, presidente Graziano Rossi, amministratore delegato,  Alessio “Uccio” Salucci,  Alberto “Albi” Tebaldi, consiglieri e manager; Claudio Sanchioni, commercialista e Carlo “Whitehouse” Casabianca fisioterapista e preparatore atletico.

Mossa numero 6. Divertimento e talento. Due ingredienti preservati e tornificati all’alba di una stagione delicatissima. Era pieno il mondo di gente pronta a darli per estinti. Si, ciao.

Mossa numero 7. Laguna Seca. Non un duello da pista. Ferro piegato a martellate. Una prova di forza impressionante nei confronti di Stoner, il campione in carica, l’avversario da scalfire e poi da battere in pista.

Mossa numero 8. Polemiche zero. Dichiarazioni solo riferite a se stesso, al proprio benessere, alla propria serenità. Valentino? Mai così certo, maturo, indisturbato. Ai propri avversari ha dedicato poche parole, preso com’era a costruire il suo ottavo capolavoro.

28 settembre 2008


Azioni

Information

4 responses

29 09 2008
Otto mosse per l’ottava meraviglia | FDS

[…] completo da […]

29 09 2008
nickel22

Hai pienamente ragione, condivido i tuoi punti e anzi aggiungo che anche Stoner ha dimostrato di essere un fenomeno, penso che il prossimo anno sarà ancora più entusiasmante .. io mi aspetto l’arrivo di Pedrosa e Lorenzo che li vedo sempre più sicuri della guida.. un quartetto che farà sicuramente scintille.. staremo a vedere.

Ciao🙂

6 10 2008
Pex

Il prossimo anno con il monogomma saranno cazzi tutti le gare… sicuramente i distacchi si ridurranno molto… credo comunque che l’unica costanza sarà che rossi è l’uomo da battere… per il resto staremo a vedere… Tutti in piedi sul divano!

6 10 2008
Lorenzo Zanirato

gia’, l’anno prossimo tutti con le bridgestone…ma Rossi e Stoner decisamente avvantaggiati..(e cmq hanno + manico)

Tra gli outsider Lorenzo e Dovizioso, ma outsider proprio..

Mi mancano le telecronache di guido meda, anche se viste in inglese non sono male !

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: