Mondiali di Futsal in Brasile !

30 09 2008
RIO DE JANEIRO (Brasile) – Una cosa è certa, sarà il Mondiale più bello di sempre. E non solo perché per la prima volta la fase finale è stata allargata da 16 a 20 squadre e si giocherà in Brasile, la terra del ‘futebol bailado’. “Con 56 partite complessive – dice Jim Brown, direttore delle competizioni della Fifa – il Mondiale di calcio a 5 diventa il secondo maggior evento Fifa, secondo solo a quello di calcio”. Già, ma sarà il Mondiale più bello perché sarà anche il più equilibrato di tutti, con Brasile e Spagna che partono in pole position, ma un gruppo di outsiders (con l’Italia vicecampione del mondo in testa) che possono davvero sperare di arrivare fino in fondo. Così, si comincia martedì a Rio de Janeiro e ad aprire le danze saranno proprio gli azzurri di Alessandro Nuccorini, che alle 15.30 italiane del 30 settembre esordiranno al Maracanazinho contro la Thailandia.
DOVE E QUANDO SI GIOCA – Il sesto Mondiale Fifa si giocherà a Rio de Janeiro e Brasilia, dal 30 settembre al 19 ottobre. Sia la prima fase (4 gironi da 5), sia la seconda si giocheranno in maniera equanime tra Rio e Brasilia, poi semifinali (16 ottobre) e finali (18-19 ottobre) saranno tutte a Rio. A Rio si giocherà al Maracanazinho, 12.600 posti, al fianco del mitico stadio Maracanà. A Brasilia, invece, il palazzetto sarà il Gimnasio Nilson Nelson, con una capienza di addirittura 16.600 posti.
LE FAVORITE – Innanzitutto il Brasile. Perché gioca in casa, ha una squadra di funamboli (Falcao e Lenisio sono le stelle) e perché ha voglia di riprendersi quella corona mondiale che gli manca dal 1996. Anche se il c.t. Paulo Cesar dice che “la vera favorita è la Spagna, visto che è campione del mondo in carica ed è la squadra che negli ultimi anni ha vinto tutto”. Vero, ed infatti con i verdeoro sono proprio le Furie Iberiche di Venacio Lopez la squadra da battere. In cima al mondo da otto anni, cercheranno di restarci grazie alle giocate di Daniel e Kike, i gol di Marcelo e Fernando e le parate dell’eterno Luis Amado.
OUTSIDER – Una su tutti, l’Italia. Gli azzurri, quattro anni fa, arrivarono ad un soffio dal titolo, arrendendosi solo in finale contro la Spagna (2-1). Ora ci riprovano, anche se Nuccorini dovrà fare a meno di un uomo fondamentale come Vinicius Bacaro. “Le emozioni sono davvero tante – dice Edoardo Morgado, intermedio del Montesilvano – molto più forti di quelle di Cina Taipei, nel 2004. Siamo qui per provare a vincere, lo dobbiamo anche a gente come Montovanelli, Duarte, Zaramello e Battistoni, che sono stati con noi fino alla fine”. In Brasile, oltre ai 14 in lista, c’è anche Jocimar Jubanski, che Nuccorini ha voluto con sé per cautelarsi da ogni evenienza (nel girone, le principali insidie degli azzurri sono Portogallo e Paraguay, presenti anche Usa e Thailandia). Con l’Italia, le altre che possono arrivare fino in fondo sono l’Argentina di Fabian Lopez (attuale tecnico del Napoli) e dei mille volti familiari (basta pensare a Sanchez, Planas, Giustozzi, Garcias, Guisande e Wilhelm, tutta gente che ha giocato o gioca in Italia), la Russia di Oleg Ivanov e il Portogallo di Orlando Duarte e della stellina Ricardinho. Da tenere sempre d’occhio l’Iran, vera mina vagante del torneo, mentre in netto calo, invece, è l’Uruguay, dopo l’abbandono di molti giocatori dovuti al cambio improvviso di guida tecnica (da Daniel Darino a Gustavo Sanchez).
COPERTURA RAI – Tra le tante novità di questo Mondiale, ci sarà anche l’impegno fortissimo di Mamma Rai, con la copertura quasi totale dell’intero evento su Raisport. “Un fatto che valorizza ancora di più questa manifestazione – dice Fabrizio Tonelli, presidente della Divisione Calcio a 5 – e che testimonia come il calcio a 5 sia oramai parte integrante del tessuto connettivo e culturale dello sport italiano”. Raisport, nell’occasione, manderà in onda 37 delle 40 partite della prima fase, con uno screening di 14 dirette e 23 differite (a cui vanno aggiunte anche 27 repliche). Poi, Italia permettendo, ci si spingerà anche un po’ più in là, magari anche fino alla finale. Ma questo è un altro discorso. Intanto, però, forza azzurri….


Azioni

Information

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: