2010: Seoul capitale mondiale del design

25 12 2009

di Eva Grippa per Repubblica.it
Alla capitale coreana l’onore e l’onere di tener alto il nome del riconoscimento biennale assegnato dall’Icsid, International council of societies of industrial design. Prossima tappa, Helsinki nel 2012

Fotogalleria: guida alla Seul del futuro

Fu Torino, nel 2008, a sperimentare per prima sulla propria pelle (e sul proprio tessuto urbano) la nomina di World Design Capital, capitale mondiale del design. Una nomina voluta da due istituti internazionali, l’International design alliance e l’International council of societies of industrial design, per dare visibilità alle realtà capaci di testimoniale come il design possa giocare un ruolo importante nello sviluppo sociale, culturale ed economico di una città.

Deposto il testimonial dal capoluogo piemontese, l’incarico biennale va lontano ed arriva fino in Asia, assegnato alla città di Seul per premiare il “coraggioso investimento” nell’architettura e nel design compiuto negli ultimi dieci anni.
Lungo l’ultimo decennio la futura Capitale Mondiale del Design è stata infatti palcoscenico di una serie di interventi architettonici e protagonista di un tumultuoso sviluppo che è un po’ lo specchio di quanto accade in tutto il Paese: è passata in pochi anni da 5 a oltre 12 milioni di abitanti e ha cambiato fisionomia dando spazio a edifici moderni che svettano tra antichi palazzi, pagode e templi della Dinastia Joseon (1400/1500 circa), affidati ad architetti di fama mondiale.
Come il Museo dell’arte tradizionale di Seoul, opera di Mario Botta, la cui costruzione terminata nel 2004 è parte di un programma più ampio che include il Museo dell’arte Contemporanea firmato da Jean Nouvel e un grande spazio espositivo per mostre temporanee, di Rem Koolhaas. O la nuova sede della Triennale di Milano progettata dagli architetti Alessandro e Francesco Mendini assieme allo studio Archiban di Seok Chul Kim (uno dei maggiori architetti coreani) a Incheon, città sul tragitto fra l’aeroporto e la citta di Seoul, nel settembre 2009.

Ancora tutta da scoprire, invece, la World Design Plaza tratteggiata dalla matita onirica e fluida di Zaha Hadid, il più importante progetto che la città ha messo in opera in vista del 2010. La prima parte dello spazio, inaugurata a dicembre, lascia solo intravedere il complesso che nascerà sulla grande piazza di 85mila metri quadrati, la Design Plaza di Dongdaemun: qui nasceranno un museo del design, una biblioteca e diverse altre strutture per le attività di formazione, immersi in un parco di 30mila metri quadrati nel pieno dell’insediamento urbano di Dongdaemun, quartiere centrale e storico di Seoul.
«Alla base del progetto c’è l’idea che l’architettura debba fornire alle persone gli strumenti per poter andare oltre i confini di ciò che esiste, alla ricerca di idee innovative di design», ha dichiarato Zaha Hadid. «Si tratta di un investimento nella ricerca e nella formazione che, insieme ai programmi culturali della città, è destinato ad ispirare le future generazioni di designer, aiutando a preservare la reputazione dell’industria coreana quale leader nell’innovazione».

Per il programma degli appuntamenti del 2010 nella capitale mondiale del design si rimanda al sito http://www.worlddesigncapital.com

Per sapere invece cosa ci riserverà la Seul del futuro, una breve guida ai progetti architettonici recentemente inaugurati e ancora in via di sviluppo

Nelle foto, immagini della World Design Plaza di Zaha Hadid a Seul


Azioni

Information

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: