Adobe Photoshop Lightroom 4.2 Final Portable

3 10 2012
Adobe Photoshop Lightroom 4.2 Final Portable | 321.9 MB

Adobe® Photoshop® Lightroom® 4 software provides a comprehensive set of digital photography tools, from powerfully simple one-click adjustments to cutting-edge advanced controls. Create images that inspire, inform, and delight.

Top features

Highlight and shadow recovery
Bring out all the detail that your camera captures in dark shadows and bright highlights. Now you have more power than ever before to create great images in challenging light.

Photo book creation
Create beautiful photo books from your images with a variety of easy-to-use templates included in Lightroom. Upload your book for printing with just a few clicks. Receive 20% off from Blurb on your first book created using Lightroom 4 software.*

Location-based organization
Find and group images by location, easily assign locations to images, or plot a photo journey. Automatically display location data from GPS-enabled cameras and camera phones.

Extended video support
Organize, view, and make adjustments to video clips. Play and trim clips, extract still images from them, or adjust clips with the Quick Develop tool.





Interessante questo SparkleShare

27 10 2011

Sparkleshare è un servizio open source molto simile a Dropbox per condividere file e permette la collaborazione e il versioning grazie a Git. Il software è multipiattaforma e con il recente aggiornamento è disponibile anche su Android.

Attualmente l’applicazione ci permette solamente per navigare tra i nostri file ed eventualmente scaricarli, per poterne caricare altri o per modificare quelli esistenti si deve pazientare ancora un po’. Per poter connettere il proprio dispositivo Android con il server SparkleShare, è necessario configurare il tutto nel modo corretto tramite la SparkleShare Dashboard. Il team di sviluppo per agevolare i non proprio pratici ha creato questa piccola guida che può risultare davvero utile.

La dashboard per funzionare necessita di odejs >= 4 quindi per poterla utilizzare è necessario installare il pacchetto apposito; se poi siamo utenti Ubuntu con una versione precedente a Oneiric, dobbiamo utilizzare questo PPA ed installare il pacchetto nodejs. Possiamo installare l’applicazione di SparkleShare direttamente dal Market Android e trovare maggiori informazioni sul sito ufficiale.

Via | SparkleShare





Per tutti quelli che cercano inviti a Google+

3 07 2011

Perche’ ?





La lista dei migliori siti torrent del 2011

24 05 2011

1. The Pirate Bay

The Pirate Bay is probably the best known BitTorrent brand on the Internet. The site was founded in 2003 and is still expanding, despite the immense legal witch hunt launched by the entertainment industries several years ago.

Alexa Rank: 76 / Compete Rank: 412 / Last year #1

2. Torrentz

Torrentz has been the leading BitTorrent meta-search engine for years. A few weeks ago the site traded in its .COM domain and switched to .EU, but this didn’t affect the site’s traffic.

Alexa Rank: 164 / Compete Rank: 927 / Last year #2

3. IsoHunt

Last year was a tough one for isoHunt, as it became the first search engine that had to implement a keyword filter provided by the MPAA. Despite this setback, isoHunt is still the third largest torrent site in terms of traffic. In 2011, isoHunt hopes to get rid of the filter through the Appeals Court.

Alexa Rank: 194 / Compete Rank: 2,154 / Last year #3

4. KickassTorrents

KickassTorrents was the fastest growing newcomer of last year, and managed to continue this upward trend throughout 2010. The site released many new features and continues to innovate, still without a single banner ad on the site.

Alexa Rank: 289 / Compete Rank: 897 / Last year #11

5. BTjunkie

BTjunkie had a pretty quiet year, which is usually good news for a site that operates in the BitTorrent niche. The only setback was the removal of the site’s front page from Google due to a DMCA complaint. As last year, BTjunkie settles in fifth place.

Alexa Rank: 299 / Compete Rank: 987 / Last year #5

6. Demonoid.me

The impossible happened. Demonoid finished 2010 with only a minimal amount of downtime, compared to weeks or months in previous years. A few weeks ago the site announced that it would move from the familiar .COM to a .ME domain in response to the news about US domain seizures.

Alexa Rank: 465 / Compete Rank: 1,647 / Last year #20

7. ExtraTorrent.com

ExtraTorrent is one of those robust torrent indexes that don’t make the news very often. In 2010 it continued to expand and the site gained two spots compared to last year.

Alexa Rank: 519 / Compete Rank: 2,208 / Last year #9

8. TorrentDownloads.net

TorrentDownloads is in the same league as ExtraTorrent, a no nonsense torrent index that provides torrents to millions of users each month.

Alexa Rank: 736 / Compete Rank: 1,119 / Last year #7

9. TorrentReactor

TorrentReactor fooled most of the tech press last year when it announced that it had bought a Russian town, one of the better PR stunts seen in 2010. On the flipside TorrentReactor seems to have lost some traffic due to a Google penalty, dropping the site to 9th place this year.

Alexa Rank: 1,088 / Compete Rank: 1,972 / Last year #6

10. LimeTorrents.com

LimeTorrents is the best newcomer of 2010 in terms of traffic, which promises a lot for the new year. The site went live half a year ago and already made it into the top 10 in this short period. It’s also a bit ironic as ‘Limewire’ got shutdown a few months ago.

Alexa Rank: 1,160 / Compete Rank: 7,127 / Last year #na




Windows MicroXP 2011 Portable

15 04 2011
Windows MicroXP 2011 Portable

by lucky38

:::->Descrizione<-:::

Una delle più piccole distribuzioni di Windows XP SP3. Puoi usare il 99% dei programmi esistenti e finora nessuno ha riportato giochi non funzionanti in MicroXP.
Un singolo click apre questa versione di Windows indipendente dal sistema operativo ospitante che consente di navigare in sicurezza, testare applicazioni prima di installarle nel S.O. “ufficiale”, verificare la presenza di virus in un ambiente isolato ecc.

Ottimo, e’ sufficiente il doppio click del mouse sull’eseguibile per avviarlo; velocissimo, in pochi secondi il sistema virtualizzato e’ operativo in una finestra senza l’ausilio di software di virtualizzazione tipo VMware ne tantomeno fantomatici player. Si e’ subito connessi alla rete se la macchina ospitante e’ connessa (testata connessione in wireless, con modem usb e chiavetta usb umts). Ottimo per testare software ma anche per quei software non compatibili con Win7, senza la necessita’ di installare WindowsXP su un’altra partizione, insomma pronto all’uso!

Calcolando che sono riuscito a farlo girare in questa macchina…
user posted image
…consiglio comunque almeno 512 MB di ram se no si perde la pazienza ad avviare i software nel sistema portable lol.gif

This has to be one of the smallest Windows XP installations out there. Whats more – you can use 99% of the programs you always use and up to now there is not one single report of any game not working in MicroXP.

This install includes default XP drivers for Ethernet/Sound/SCSI/RAID
It has all languages kept, except Chinese/Japanese/Korean.
It has all keyboard layout choices kept.
It also has Service Pack 3 final slipstreamed into it.
LAN Networking is now possible – Use Map Network Drive and just put the computer name of the computer you want to network with.
Digital Cameras and Scanners can also now be used.
Opera 2011 included with FTP and Email capabilities.
CCleaner for HDD & Registry cleaning procedures and Privacy.
NOD32 On-Demand Scanner.

:::->Screenshot<-:::

user posted image

user posted image

user posted image

:::->Scheda tecnica del Software<-:::

Dimensione: 216 MB compresso, estratto 563 MB
Lingua: Inglese
Versione: 2011
Genere: Sistema operativo virtualizzato portabile con QEMU
Anno di uscita: Gennaio 2011
Requisiti del Sistema: Tutti i sistemi operativi compreso Win7 X64
Prezzo: se il creatore non chiede nulla…
Info Installazione: Decomprimere i file (2 parti rar) ed eseguire l’icona WindowsXP.exe

good.gif

 

Download (torrent)





Gheddafi e buoi dei paesi tuoi

8 03 2011

Federico Fubini per il “Corriere della Sera

A fine febbraio l’Onu decise il blocco dei beni controllati «direttamente o indirettamente» dalla famiglia Gheddafi. Sono bastati dieci giorni – e una breve nota di Tarak Ben Ammar – per capire che una lettura restrittiva di quella risoluzione può creare imbarazzo in tutte le grandi economie avanzate dell’Occidente. Dagli Stati Uniti alla Germania, passando per Italia, Francia e Gran Bretagna, i fondi sovrani della Libia detengono partecipazioni di cui spesso fino a ieri i gruppi coinvolti non hanno fatto sapere nulla.

Di diramare qualche informazione in più si è fatto carico ieri Tarak Ben Ammar. L’uomo d’affari franco-tunisino ha inviato in serata una precisazione all’agenzia Adnkronos, che poche ore prima aveva dedicato un servizio a Quinta Communications. Com’è noto la Quinta Communications di Parigi, a differenza dell’omonima società italiana di Ben Ammar, conta con l’imprenditore franco-tunisino altri due soci di rilievo: con il 10%la società maltese Lafi Trade, controllata dal fondo sovrano Lybian Arab Foreign Investment Company, e con il 22%Fininvest attraverso la controllata lussemburghese Trefinance.

Fin qui la precisazione inviata all’agenzia di stampa. Poi però Ben Ammar coglie l’occasione per mettere in una prospettiva più ampia la posizione dei libici e mostrare come Quinta sia in realtà solo una delle tante società su cui Tripoli ha delle partecipazioni. È vero che i fondi sovrani arabi, che in Europa hanno già investito circa 340 miliardi di dollari, di solito non rendono nota la composizione del loro portafoglio. Ma Ben Ammar dispone di alcuni dettagli di rilievo sulle quote gestite dalla Lafi-Lybian Arab Foreign Investment Corporation.

In Gran Bretagna- scrive- il fondo di Tripoli ha partecipazioni in GlaxoSmithKline, Royal Dutch Shell, nella banca Standard Chartered, in Vodafone, in Pearson e in Bp. Questi ultimi due sono i casi più di rilevo: Pearson, società editrice del Financial Times, è il solo gruppo quotato a Londra ad aver riconosciuto di avere i libici fra i propri azionisti ed il solo ad aver fatto sapere di averne congelato la quota (del 3,2%). Gli altri non hanno reagito in nessun modo al decreto del Tesoro britannico che sette giorni fa ha recepito la risoluzione Onu.

Bp poi, che ora emerge come una delle società partecipate da Tripoli, nel 2004 svolse un ruolo assai controverso nel disgelo con Gheddafi dopo il caso Lockerbie e ha oggi concessioni e investimenti per oltre un miliardo di euro in Libia. Sorprendenti anche le partecipazioni libiche negli Stati Uniti: comprendono Exxon, Chevron, Pfizer, Xerox e due gruppi che lavorano con il Pentagono come Halliburton (la società di infrastrutture petrolifere guidata negli Anni 90 dall’ex vicepresidente Dick Cheney) e Honeywell (aerospazio).

Nei giorni scorsi, gli Stati Uniti hanno annunciato di aver congelato beni libici per circa 30 miliardi di dollari, senza però specificare di quali investimenti si trattasse. Quote in società sensibili in realtà i libici ne hanno acquistate anche sul Cac 40, il listino di Parigi. In Francia hanno investito in Alcatel Lucent (comunicazioni e difesa), in Lagardère (giornali, tv e il 7,5%del gruppo di difesa aerospazio Eads), in EdF, Vinci e nella banca Bnp Paribas. Per l’Italia note le partecipazioni in Unicredit (7,5%), Finmeccanica ed Eni, mentre erano sconosciute fino a ieri quelle nella tedesca Siemens, nella spagnola Repsol e nella svizzera Nestlé.

Tutti investimenti sui quali l’Occidente si sta muovendo in ordine sparso: l’Italia le rende note, ma non le congela perché mette in dubbio il controllo «diretto o indiretto» di Gheddafi in questa fase di caos. Londra invece agisce a metà e fa trasparenza a metà. Altri, nel dubbio, tacciono.

[07-03-2011]




2010 in review

4 01 2011

The stats helper monkeys at WordPress.com mulled over how this blog did in 2010, and here’s a high level summary of its overall blog health:

Healthy blog!

The Blog-Health-o-Meter™ reads Wow.

Crunchy numbers

Featured image

A helper monkey made this abstract painting, inspired by your stats.

The Louvre Museum has 8.5 million visitors per year. This blog was viewed about 340,000 times in 2010. If it were an exhibit at The Louvre Museum, it would take 15 days for that many people to see it.

 

In 2010, there were 54 new posts, growing the total archive of this blog to 1,332 posts. There were 2 pictures uploaded, taking up a total of 1mb.

The busiest day of the year was January 10th with 2,095 views. The most popular post that day was I 25 migliori siti torrent aggiornati a Marzo 2008.

Where did they come from?

The top referring sites in 2010 were it.answers.yahoo.com, diggita.it, google.it, search.conduit.com, and upnews.it.

Some visitors came searching, mostly for siti torrent, i 25 migliori siti torrent, torrent, i 10 migliori torrent, and 25 torrent.

Attractions in 2010

These are the posts and pages that got the most views in 2010.

1

I 25 migliori siti torrent aggiornati a Marzo 2008 April 2008
50 comments and 1 Like on WordPress.com,

2

I 10 migliori siti torrent October 2007
12 comments

3

I 20 migliori siti torrent aggiornati a Giugno 2009 (piu’ alcune segnalazioni speciali) June 2009
6 comments

4

eeeXP – Una versione mini di Windows XP per eeePC June 2008
27 comments

5

Lista server hamachi di giochi online November 2007
248 comments








%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: