Lo schifo persiste #37

18 08 2011

Mario Staderini per il “Fatto Quotidiano”

Qualcuno lo pensa, altri lo temono, nessuno lo dice. C’è un fronte di tagli alla spesa pubblica che si impone oggi più che mai: i privilegi del Vaticano. Eliminando l’8 per mille e alcune immotivate esenzioni fiscali, ad esempio, il bilancio dello Stato potrebbe contare su 3 miliardi di euro in più all’anno.

VATICANO

Facciamo un po’ di conti e iniziamo dall’otto per mille. Ogni anno la Cei incassa 1 miliardo di euro delle tasse degli italiani attraverso un sistema truffaldino ideato proprio da Tre-monti quando faceva il consulente per il ministro Formica. Che ci fa la Cei con questo fiume di denaro, pari a cinque volte quello che i partiti prendono tutti insieme di finanziamento pubblico? Lo spende per pagare lo stipendio ai preti (il 33% del totale), per costruire nuove chiese (!), per sostenere le diocesi, per evangelizzare i popoli dei paesi in via di sviluppo e indottrinare le loro classi dirigenti, per finanziare le varie iniziative politico-culturali della Conferenza episcopale e la galassia di associazioni antiabortiste protagoniste della guerra al referendum sulla legge 40 e ai diritti conquistati da Welby e Englaro.

L’otto per mille andrebbe abolito del tutto perché le chiese si devono finanziare da sole (“date a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio”, Marco 12,13-17), come avviene nelle democrazie liberali. A ogni modo basterebbe dimezzarlo, risparmiando ogni anno 500 milioni di euro che non andrebbero certo a ridurre la carità ai poveri.

É la stessa legge istituiva a imporlo in caso di aumento del gettito e Tremonti lo sa benissimo. Infatti l’otto per mille della Cei è passato dai 200 milioni di euro del 1990 al miliardo di oggi, in pratica si è moltiplicato per cinque nonostante lo stipendio di un prete (originario motivo del finanziamento pubblico) sia poco più che raddoppiato.

Passiamo ora ai privilegi fiscali degli enti ecclesiastici. Considerando solo l’esenzione dal pagamento dell’Ici delle loro attività commerciali e la riduzione del 50% dell’Ires sui redditi che gli enti producono, si arriva ad almeno 2 miliardi di euro di minor introito per lo Stato ogni anno.

Vaticano

Non stiamo parlando di tagliare i fondi per le parrocchie, la Caritas o gli oratori, ma di eliminare quelli che la stessa Unione europea potrebbe considerare illeciti aiuti di Stato. Quando il Vaticano e le sue diverse ramificazioni macinano profitti con il loro immenso patrimonio immobiliare, con il turismo, con le cliniche e gli ospedali, con le scuole e le università, non v’è ragione che non paghino le tasse come tutti noi comuni mortali.

Dunque: almeno 500 milioni di euro risparmiati dall’otto per mille, due miliardi togliendo esenzioni su Ici e Ires, totale 2,5 miliardi euro. All’anno. Eppure, in una manovra in cui si taglia di tutto e si riduce la spesa per il sociale, intervenire sulla “tassa Vaticano” rimane un tabù.

Persino sulle festività, le uniche intoccabili sono quelle religiose mentre anche il 1° maggio può saltare. Si dirà: è il Concordato, bellezza. Appunto. Iniziamo intanto con il porre mano alle regalie economiche, alle attività commerciali. Per il resto, i miracoli laici, ci stiamo attrezzando.





Angry Birds 1.0.2 per MacOS

12 01 2011

Lo trovi sull AppStore e qua

Buon download





Due milioni ???

22 06 2010

Non mi sono accorto in tempo, ma ho superato la barriera dei due milioni di unique hits (accessi) al blog !!!

Secondo me c’e’ un errore..un paio di settimane fa ero a 1.9 milioni e mi sembra impossibile aver fatto oltre 200.000 accessi unici in cosi’ poco tempo. Ma magari mi sbaglio io..

Era gennaio 2009 quando raggiunsi il mio primo Milione 🙂





Sospetti maoisti nel West Bengal

14 06 2010

di Marco Montemurro per Altrenotizie

Dopo il deragliamento del treno Gyaneshwari Express, avvenuto lo scorso 28 maggio nel West Bengal, la polizia e il governo indiano hanno subito diretto le accuse verso un’unica matrice: i guerriglieri maoisti. I media indiani, e a seguire le principali agenzie mondiali, hanno descritto l’avvenimento come l’ennesimo attacco di una lunga serie e, senza porsi troppe domande, hanno definito la tragedia un atto di terrorismo dei ribelli maoisti.

Tuttavia, dopo oltre due settimane, sulle cause del deragliamento vi sono ancora molti quesiti irrisolti. Non solo l’esatta dinamica non è stata individuata, ma perfino la matrice non è stata identificata con certezza. Centoquarantotto passeggeri sono morti nell’incidente, un elevato numero di vittime che i guerriglieri non hanno mai provocato in precedenza. Inoltre, considerando che non sono stati presi di mira soldati, bensì vagoni di civili, l’ipotesi di un attacco politico appare ulteriormente controversa.

Il Partito Comunista d’India (maoista), in effetti, ha negato una sua responsabilità. D’altro canto, la polizia ha condannato i maoisti, poiché sono stati trovati presso i binari manifesti del Pcapa, ossia il Comitato popolare contro le atrocità della polizia, una forza ritenuta legata ai ribelli. Tale dettaglio però rende lo scenario ancora più complicato. Il portavoce del Pcapa, Ashit Mahato, ha accusato invece il Partito Comunista d’India (marxista), al governo nel West Bengal, di aver ordito un complotto contro la sua organizzazione, come ha riferito Dola Mitra sulla rivista indiana Outlook.

Le reali cause del deragliamento, pertanto, aleggiano ancora nella nebbia, circondate da interrogativi. Tuttavia, benché le indagini siano in corso, una certezza è evidente: il governo di New Delhi è intenzionato a mostrare i maoisti come crudeli terroristi, in modo tale da poter giustificare la repressione militare in corso nelle province contro le forme di lotta.

Per comprendere le accuse in campo, è necessario esaminare il luogo e la modalità dell’incidente. Nella regione i maoisti da anni combattono il governo e, prendere di mira le ferrovie, è una delle pratiche di lotta utilizzate. Nello stesso stato del West Bengal, infatti, il 27 ottobre dello scorso anno, i guerriglieri rossi bloccarono un treno per diverse ore. Azioni di disturbo contro le ferrovie sono state commesse anche in altri stati, ad esempio, lo scorso 20 maggio nel Bihar sono stati incendiati vagoni merci, il 22 aprile 2009 furono sequestrati 250 passeggeri nel Jharkhand e, nello stesso stato, un evento analogo accadde nel marzo 2006.

Gli episodi sopra citati, dunque, sono avvenuti negli stati del West Bengal, Bihar e Jharkhand, vale a dire nelle regioni nord orientali del paese, zone che appartengono a quel che i media indiani definiscono il “corridoio rosso”. I ribelli maoisti sono distribuiti nel subcontinente lungo una sorta di fascia, specialmente ad oriente in Orissa, Chhattisgarh e Andhra Pradesh, vicino al confine con il Nepal nell’Uttar Pradesh, nel centrale Madhya Pradesh, fino alle aree più occidentali del Karnataka e del Maharashtra.

I maoisti indiani, che prendono il nome di naxaliti dal remoto villaggio di Naxalbari dove la ribellione ebbe origine nel 1967, sono radicati in molti stati e la loro determinazione preoccupa il governo di New Delhi. Il primo ministro indiano Manmohan Singh, nell’aprile 2006, vedendo crollare la monarchia del Nepal sotto la pressione dei maoisti, definì i ribelli indiani “la più grave minaccia alla sicurezza del paese”.

Il conflitto tende sempre di più ad acuirsi e infatti, dall’inizio dell’anno, gli attacchi rivendicati dai maoisti sono stati numerosi. Il 15 febbraio a Silda, nel West Bengal, sono stati uccisi 24 paramilitari; il 4 aprile a Koraput, nell’Orissa, è stato fatto esplodere un convoglio con 9 soldati e, in maniera analoga, l’8 maggio, nel Chhattisgarh, sono rimasti vittime 8 militari. Quest’anno poi ha avuto luogo anche l’attacco più cruento finora mai sferrato dai maoisti, avvenuto il 6 aprile nel distretto di Dantewada con l’uccisione di 75 paramilitari.

Tali agguati dimostrano che l’operazione militare “Green Hunt”, avviata dal governo nel novembre 2009, non sconfigge i maoisti; anzi, ha perfino incrementato il livello di scontro. Considerato il gran numero di soldati uccisi negli ultimi mesi, i guerriglieri reagiscono alle forze armate.

Ma cosa rivendicano i maoisti? Per poter rispondere la scrittrice indiana Arundhati Roy ha svolto un viaggio nei villaggi della regione del Dantewada, cuore della guerriglia. Grazie a tale esperienza, lo scorso 29 marzo ha pubblicato sulla rivista Outlook un lungo saggio, “Walking with the comrades”, in cui racconta i volti dei maoisti. Devono difendere le loro terre e considerano il governo un nemico, perché legato alle grandi compagnie interessate solamente alle risorse minerarie. È uno scontro frontale, tra un’India che si esprime in termini di Pil e sviluppo e, al polo opposto, un’altra India che lotta per la sopravvivenza.





Buone notizie

17 02 2010

SUPPORT PAGERANKALERT!

If you find this free service useful, please consider making a donation to help maintain the site.


PR 4 cissiboy.wordpress.com details PageRank evolution graph similar pages
PR 1 lorenzozanirato.wordpress.com details PageRank evolution graph similar pages

Stay tuned!

Check out the PageRankAlert.com blog and subscribe to the RSS feed to stay tuned to the latest news and tips on how to track and increase your PageRank.





Le marchette non mi piacciono…

18 06 2009

Ho apprezzato, apprezzo e apprezzero’ sempre molto le chicche musicali di Ernesto Assante vera e propria enciclopedia musicale vivente, ma questa marchetta scritta per avere un iPhone 3G S nuovo proprio non la riesco a digerire.

Lungi da me il criticare l’iPhone: se avete tutti quei soldi, vi piacciono le novita’, credete che un iPhone sia uno status-symbol, un must, vi ci trovate bene, sono con voi: non posso che essere d’accordo che l’esperienza che da’ un iPhone non la da’ nessuno degli altri 100mila telefonini touchscreen. Punto.

Pero’ venirmi a lodare l’iPhone perche’

“Migliorata di molto è la durata della batteria che adesso ha un’autonomia di circa 5 ore se utilizzata in navigazione 3G e di ben 9 ore se si usa un collegamento wi-fi.”

(nel 2009 ancora telefonini che non arrivano a fine serata..)

O ancora, lodare i “comandi vocali” che esistono da una vita su telefoni primordiali e che nessuno sano di mente ha mai usato, o dire che “l’iPhone e’ ancora una macchina sorprendente” non lo posso accettare da una persona intelligente come reputo sia il buon Assante.

Pecunia non olet. Evidentemente.

Non voglio scatenare i soliti flame da fanboys, ripeto che l’iPhone lo ritengo un prodotto rivoluzionario per tanti motivi e se avete 700 Euro in tasca che vi danno fastidio (1 milione e 400 mila delle vecchie lire..badaben…) e’ da preferirsi ai vari Samsung Omnia o Nokia N97 etc etc..ma da qui a venirmi a dire che e’ un telefono che vale tutti quei soldi adducendo motivazioni ridicole non ci sto proprio..

Cordialita’

PS: Ernesto aspetto con entusiasmo il prossimo articolo musicale. Questo non lo reggo proprio..





Nasce BlogMagazine

24 02 2009

Nasce in questi giorni il primo eZine fatto da blogger “blogMagazine”:
http://www.blogmagazine.net/

BlogMagazine è progetto di editoria virtuale, una rivista elettronica gratuita scritta da soli Blogger fruibile in modalità sfogliabile Flash e in formato PDF

Il magazine è rivolto principalmente a Blogger e a persone che hanno confidenza con tecnologie e servizi disponibili attualmente sul web.
Gli articoli pubblicati nella rivista elettronica sono unici e originali, rilasciati con Licenza Creative Commons, scritti principalmente da Blogger conosciuti nella Blogosfera, selezionati con cura a seconda della rubrica da gestire.
Il magazine da spazio anche a blogger di talento, poco conosciuti sul web tramite una selezione di articoli pervenuti in redazione.
BlogMagazine ha intenzione di sperimentare la condivisione di idee e conoscenza tramite un nuovo media di rivista sfogliabile/cartacea.
Il progetto non si ferma sul web, infatti grazie ai vostri feedback potrebbe essere molto interessante sviluppare il progetto in parallelo su riviste cartacee, sempre gratuite, con lo scopo di arrivare a persone non prettamente geek e divulgare la rete in modo semplice e intuitivo.
Il progetto è in continuo aggiornamento, con lo scopo di migliorare e introdurre nuove funzionalità.








%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: