Mille giorni a Singapore

20 10 2010

Mi sveglio e ho sonno. Fuori e’ nebbioso. Se ci fossero 30 gradi in meno sarebbe fantastico.

Poi, inaspettatamente, leggo le news e scopro che il Bilan, si quello del Samba-Milan (col Chievo), del tridente delle meraviglie (se non giocasse Dinho), dell’Ibra-dipendenza (in Champions…), viene umiliato (non nel punteggio, perche’ Mourinho e’ un genio in queste cose) dal Real che solo 12 mesi fa veniva battuto in quello stesso stadio (altri allenatori mi si dira’). E pure la Rometta del Cantante, quello che il primo anno quando puo’ solo fare bene, fa bene, ma quando e’ lui a decidere le sorti della sua squadra, si rivela per quel che e’: un mediocre, e perdente, prende 3 sberle in casa dal Basel. Sara’ contento Roger.

Ed e’ gia’ una giornata migliore.

Pure i Chemical Bros hanno aiutato.

E intanto a Singapore spopolano le espadrilles





Quoto

15 04 2010

Andrea Marcenaro sul Foglio:
Se tutto non andasse così storto. Se l’Iran non ci mettesse il pepe al culo, Al Qaeda non cercasse di procurarsi il megatone e la Russia di rimangiarsi tutte le ex provincie. Se la Corea del nord si desse una calmata, il capitalismo greco fosse in forma e gli accademici occidentali non votassero ogni due per tre un ordine del giorno contro Israele. Se si riuscisse a intravedere per l’Afghanistan una soluzione non si dice uguale, ma somigliante alla lontana a quella dell’Iraq, se la Cina trovasse un modo diverso di fare la Cina, l’Europa un modo qualunque di fare l’Europa, i liberal un modo più originale di aggredire il Papa, e se tutto ciò che intanto così è, così non fosse, ecco, noi vivremmo quantomeno con maggiore serenità la sensazione che l’Inter di Massimo Moratti stia facendo una figura di merda.





Dolce e severo Brindellone

10 04 2010

“FACCHETTI: Hai messo in forma Trefoloni?
PAIRETTO: Sì, l’ultima volta era andato bene…
FACCHETTI: Sì bravo sì…
PAIRETTO:C’era stato quel problemino…
FACCHETTI: Ok grazie grazie…
PAIRETTO: Bene Giacinto in bocca al lupo ci sentiamo…
FACCHETTI: Grazie, grazie…
PAIRETTO: A presto, mi raccomando eh, sai che sono sempre cose private. Eh, non si sanno, ecco queste cose qui…
FACCHETTI: Sì, sono d’accordo…
PAIRETTO: Proprio una cosa tra noi…”





Moggiopoli 3 anni dopo…

13 11 2009
di Stefano Olivari

Da Napoli stanno arrivando ogni giorno notizie e deposizioni clamorose, che tutti i beneficiari dell’osceno patto non scritto dell’estate 2006 (vi diamo scudetto e Ibrahimovic, voi non rivangate il passato e vi godete le vittorie, teniamo tutto circoscritto alla stagione 2004-2005: prima e dopo nessuno ha parlato al telefono o condizionato arbitri) hanno interesse a far cadere nel vuoto. Sentire Luciano Moggi scagliarsi contro Franco Carraro merita però una riflessione in più. Entrambi per quasi un ventennio sono stati il braccio a volte violento del sistema Geronzi nel calcio, a livelli diversi. Carraro uomo di raccordo con la Fiat, la politica romana di varia natura, i consessi sportivi internazionali e volto gradito a tutti i grandi club (quando dovevano lamentarsi per qualche presunto torto, Moratti e Berlusconi lo facevano con lui). Moggi tessitore dei rapporti con società indebitate e mille personaggi con cui banchieri e dirigenti non vogliono sporcarsi le mani. Un meccanismo quasi perfetto che distribuiva vittorie o almeno contentini a quasi tutti, a volte anche scippando la stessa Juve di Moggi (scudetti di Lazio 2000 e Roma 2001), con i perdenti tenuti buoni con promesse mai mantenute. Deposizione di Moggi: ”Sono stato anche accusato di aver fatto retrocedere il Bologna, quando poi si va a leggere di un’intercettazione dell’allora presidente federale Franco Carraro nella quale dice al designatore Paolo Bergamo che bisogna aiutare Lazio e Fiorentina a evitare la retrocessione. Guarda caso retrocedono Bologna e Brescia e si salvano Lazio e Fiorentina. L’intercettazione del presidente della Figc passa inosservata”. Incredibile che Carraro non sia a Napoli, in almeno una delle sue incarnazioni: sì, sappiamo che è stato prosciolto. Alla fine il sistema ha sacrificato il suo volto meno presentabile alla massa di bocca buona (quella che vive nel mito dello ‘stile’ e delle ‘battute’ di miliardari ignoranti e cocainomani), che solo grazie a rapporti personali e qualche notizia riservata è riuscito calcisticamente a sopravvivere. Ci dicono che abbia intenzione di aprire a breve il capitolo sui giornalisti miracolati, alcuni dei quali nel momento del bisogno non gli sarebbero stati abbastanza fedeli.
Fonte: Indiscreto




L’Inter puo’ ragionevolmente sperare nella Champions a tavolino

13 10 2009

NYON – Dai campionati alla Champions League: sull’Europa del calcio sta per abbattersi un nuovo scandalo. Dopo aver registrato delle irregolarità in 40 partite disputate negli ultimi quattro anni, a novembre la Uefa svelerà “il maggiore sistema di corruzione di tutti i tempi”. Ad annunciarlo, in un’intervista al giornale olandese “Het Algemeen Dagblad”, è Karl Dhont, l’uomo incaricato dal governo di Nyon di indagare sulle possibili irregolarità nel calcio europeo. Secondo Dhont, la Uefa è in possesso di “prove concrete” di anomalie relative a partite sia dei campionati nazionali che di turni eliminatori di Champions ed Europa League.
In questo sistema di corruzione sarebbero coinvolti soprattutto club dell’est europeo ma non solo. Sotto accusa ci sarebbe anche una squadra belga e altre società dell’Europa occidentale e meridionale. “Salve” le formazioni olandesi anche se Dhont ha rivelato che sono state fatte delle indagini sulla gara tra il Nac Breda e gli armeni del Gandzasar, giocata per l’Europa League a luglio e finita 6-0 a favore degli olandesi. In merito a questo incontro era stato notato un volume “sospetto” di scommesse ma alla fine non sono state trovate prove che dimostrassero che si trattasse di una gara truccata.

11 ottobre 2009





Ucraina bordello d’Europa

3 08 2009

Una studentessa su otto si prostituisce. E l’Aids è a livelli record. Ma ora c’è chi si ribella

MILANO – «L’Ucraina non è un bordello». E’ solo uno degli slogan provocatori di Femen, l’associazione creata da giovani universitarie ucraine a Kiev che prende di mira i tanti stranieri che ogni anno visitano il Paese orientale per fare turismo sessuale. Secondo le statistiche in Ucraina vi sono circa 12.000 prostitute e la maggior parte sono studentesse o ragazze con difficoltà economiche. Il sito web del settimanale Der Spiegel dedica un ampio reportage alle battaglie dell’associazione che ha rapidamente conquistato tanti adepti nelle università ucraine.

PROSTITUZIONE – L’Ucraina è diventata una delle destinazioni preferite dagli europei per fare turismo sessuale. Un sondaggio promosso dall’Istituto internazionale di sociologia di Kiev afferma che una studentessa su otto si paga gli studi universitari prostituendosi. A Kiev le percentuali aumentano addirittura. «Riteniamo che nella capitale – dichiara Anna Hutsol, una delle fondatrici di Femen – il 60% delle prostitute siano studentesse universitarie». Il quartier generale di Femen si trova a Khreshchatyk, il viale principale della capitale ucraina. Qui ogni giorno s’incontrano ragazze che di solito indossano minigonne, collant rosa e scarpe con tacchi molto alti. Girano per Kiev con cartelli sui quali si possono leggere slogan provocatori come «Le ragazze ucraine non sono in vendita». Inoltre ,quando intravedono uno straniero, non ci pensano due volte e lo fermano immediatamente per fargli delle domande. «Riconosciamo gli stranieri dalle caratteristiche del volto e da come si vestono – dichiara Nastia, una convinta sostenitrice dell’associazione -. Spesso non ci sbagliamo. Le loro reazioni di solito sono amichevoli. Ma non mancano coloro che ci riempiono di improperi». Ciò non frena l’azione delle ragazze che organizzano anche simpatiche manifestazioni. Ad esempio, recentemente, alcune universitarie hanno vestito i panni di infermiere e zaino in spalla si sono fermate a pochi passi dall’ambasciata turca. Dallo zaino hanno poi cacciato centinaia di siringhe: «La protesta era simbolica – dichiara allo Spiegel Anna Hutsol, una delle fondatrici dell’associazione -. Volevamo curare una delle malattie che ha contagiato tanti stranieri. La dipendenza dal sesso».

AIDS E MASCHILISMO – Come conferma uno dei volantini che le ragazze ogni giorno consegnano agli stranieri, uno dei grandi problemi dell’Ucraina odierna è l’Aids. A differenza degli altri Paesi europei, qui in Ucraina le persone contagiate da questa terribile malattia non sono poche. Secondo le statistiche dell’Organizzazione mondiale della Sanità circa l’1,6% della popolazione locale ha l’Aids e nella sola città di Odessa vi sono ben 150.000 persone sieropositive. «Gli stranieri spesso non si rendono conto che mettono a rischio anche la propria vita» dichiara Tania Kozak. Un altro problema contro cui l’associazione deve combattere è il maschilismo dilagante tra i propri concittadini. Lo scorso aprile Alexandra, una delle iscritte, ha tirato una torta in faccia allo scrittore ucraino Oles Buzina durante un reading letterario. L’uomo stava presentando il suo ultimo libro intitolato: «Donne tornate negli harem» in cui condanna la donna occidentale e dichiara che una delle sue ragioni di vita deve essere quella di fare sesso ogni qual volta il maschio lo desideri: «Dopo che l’ho colpito con la torta, è diventato violento come un hooligan» ha dichiarato Alexandra. Lo scrittore non riusciva a capire perché alcune donne fossero così adirate con lui: «Il libro ha venduto più di 10.000 copie – ha scritto sul suo blog -. Numerose donne lo hanno comprato e mi hanno chiesto anche l’autografo». Alla fine Alexandra ha dovuto pagare una piccola multa, ma ha conquistato l’approvazione della maggior parte delle ragazze presenti al reading letterario. Nastia, un’altra iscritta all’associazione, storce il naso quando i giornali definiscono Femen un’associazione di femministe fanatiche. Dopo aver confermato che vi sono anche diversi uomini nell’associazione, la giovane esclude categoricamente che le donne che ne fanno parte possano essere definite femministe: «Io, ad esempio, adoro quando un uomo mi cede il passo davanti ad una porta o quando m’invita a mangiare fuori».

EUROPEI DI CALCIO DEL 2012 – Femen riesce a finanziare le sue campagne grazie a donazioni private e informa i membri sulle prossime iniziative attraverso la propria pagina web su MySpace. Le ragazze dell’associazione non si illudono e temono che il turismo sessuale continuerà ad aumentare, almeno fino al 2012 quando l’Ucraina, assieme alla Polonia, ospiterà i prossimi campionati europei di calcio. Le giovani sanno che molti tifosi saranno più interessati alle donne che alle partite. Ma non si arrendono. Anzi. Hanno già in mente un piano d’azione che tende a pubblicizzare le bellezze culturali del paese: «Inviteremo gli stranieri a non frequentare le prostitute – dichiara un’iscritta -. Piuttosto che visitino il Museo dedicato a Mikhail Bulgakov, uno dei nostri più grandi scrittori».

Francesco Tortora
31 luglio 2009(ultima modifica: 01 agosto 2009)





E se lo dice Lui…

21 05 2009

Abbiamo fatto quello che facciamo sempre: esaminato la struttura della squadra; identificato il rafforzamento richiesto; e confidato sulla nostra filosofia di inserire calciatori giovani, ma solo quelli che potessero essere davvero influenti. Per produrre il giusto effetto rivitalizzante bisogna concentrarsi su brillanti giocatori d’attacco, quelli che possono davvero influenzare il corso di una partita.

Università del Calcio, Facoltà dell’Allenamento, Corso in “Elementi di una squadra vincente”, docente Sir Alex Ferguson, 23 anni al Manchester United, i primi 4 senza vincere neanche una supercoppetta. Lezione del giorno: Come riprendersi dal digiuno di Premier 2004/06 – The Times









%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: